NON HA SENSO GIUDICARTI


Cosa ti succede di terribile se smetti di giudicarti?

 

Vuoi migliorare te stesso?

 

Non diciamo minchiate e smetti di fare il sadomaso.

 

Se ti chiedi "chi sono?" ti accorgi di non essere un oggetto, di non poter essere definito, e che qualsiasi tentativo di giudicarti ti trasforma in oggetto.

Puoi giudicare se il tuo agire soddisfa i tuoi veri bisogni, ma non te stesso.

 

Puoi migliorare il tuo modo di soddisfare i tuoi bisogni, ma non te stesso.

Per non crearti ostacoli a modificare i tuoi comportamenti in funzione di quel che conta per te, renditi conto che:

 

  • non sei quel che pensi di te nè il tuo comportamento né i risultati che ottieni
  • non sei neppure la tua buona intenzione: la buona intenzione (in cui capita di immedesimarsi, altra trappola tremenda) non garantisce che il comportamento sia adatto ad ottenere quel che si vuole, perciò fai attenzione a ciò che ottieni e modula il comportamento osservando le conseguenze di quel che fai
  • ogni tuo bisogno è definito da una misura di quanto ti basta, il tuo "abbastanza", puoi liberarti del perfetto o della credenza che di più significhi meglio 

Fai un elenco dei tuoi bisogni e definisci un livello di abbastanza per ciascuno.